Josef Kostner

Ladin
Deutsch
Italiano
English

Cun lizënza

Cun lizënza,
poss-n pa mo rujné gherdëina tlo da vo?
Savëis bën,
ntlëuta n `on-s mparà vel d`auter.
Ie ve priëss` bën bel
Sce fussais tan bon
y che pudëss` v` l dì per gherdëina.
Canche nëus ne son plu,
n`ëis plu drë de audì chësc rujné.
Savëis bën,
nëus son mo mpue da zacan,
scusëis bën,
Mo n valgun ani,
po sarà-l bën na fin.

Savon bën, che ne l audiëis gën.
Sanbën arëis bën rejon,
l sarà bën drët coche vo ulëis,
coche ëis for ulù.
Mpue de paziënza,
mo n valgun ani.

Śën ntant priëss-i bën bel
cun lizënza,
sce pudëss` mo ve dì chësc per gherdëina;
po unirà-l bën miec,
ëis-a bën rejon,
sciche l` ëis for abuda
—mo chisc trëi vedli, tlo bën,
i jëuni ve fesc pa bën al sënn —
avrëis bën mo mpue de paziënza,
cun lizënza!

Do cëina te cësadafuech

Do cëina te cësadafuech, tiebia,
sentei pra mëisa;
sëura nëus na lum cun n pëir da sessanta.
Chiet ie-l; mé l`ëura aud-n jan;
unitant n spëich che pëta te cianton de mëisa.
La fëna fesc scapins al mënder,
che s`la dorm bon saurì te stua.
Ie che scrije chësta trëi paroles da nìa,
da nìa y da puech,
da puech y da unidì,
zeche, che suzed dlonchj y unidì.

Mé l culëur cueciun dla mëisa che m`adorba
Y me stancia i uedli.
Me sfrëie n uedl y cële sul`ëura:
l ie la diesc;
y nsci pëns- n ncie de se n ji bel plan a durmì,
bon saurì o no,
nfin duman daduman...

DEUTSCH

Josef Kostner 1983

Con permesso

Con permesso,
si può ancora parlare in gardenese qui da voi?
Sapete bene,
una volta non si apprendeva altra lingua.
Vi prego gentilmente,
se foste così cortesi
che io potessi esprimermi in gardenie!
Quando non ci saremo più,
non avrete più motivo di udire questa lingua.
Sapete bene,
noi siamo ancora un po`del tempo andato;
scusateci!
Qualche anno ancora
Poi tutto sarà finito.

Lo sappiamo che non gradite sentirla.
Certo, avrete ragione,
sarà ben giusto come volete voi,
come avete sempre voluto.
Un po`di pazienza
per qualche anno ancora.

Intanto adesso vi pregherei gentilmente,
con permesso,
se potessi ancora dirvi questo in gardenese;
poi andrà tutto meglio,
avete certo ragione,
come l`avete avuta sempre
—ancora questi tre vecchi qui,
i giovani poi faranno a modo vostro —
avrete bene un po`di pazienza ancora,
con permesso!

Dopo cena in cucina

Dopo cena in cucina, tiepida,
seduti al tavolo;
sopra di noi un lume con una lampada da sessanta.
C`è silenzio; solo la pendola si sente che va;
ogni tanto un ferro da calza che urta nel bordo del tavolo.
La moglie fa calzini al più piccolo,
che dorme placido nella stua.
Io, che scrivo queste tre parole da niente,
da niente e da poco,
da poco e da ogni giorno,
qualcosa, che succede dovunque e ogni giorno.

Ma c`è il rosso del tavolo che mi abbaglia
e mi stanca gli occhi.
Mi sfrego un occhio e guardo alla pendola:
sono le dieci;
e allora si pensa anche di andare tranquillamente a dormore,
più o meno comodi,
fino a domani mattina…..